Torta di Pasqua al formaggio

La Torta di Pasqua è una delle ricette tradizionali umbre per eccellenza. Un tempo, la sera del giovedì santo, le donne delle famiglie contadine preparavano tutte insieme un abbondante impasto e lo lasciavano lievitare per tutta la notte all’interno di una madia. Il mattino del giorno seguente, si svegliavano ancor prima dell’alba per accendere il forno a legna e cuocere man mano le varie torte, che sarebbero state servite durante la tradizionale colazione salata del giorno di Pasqua. Prima di quel giorno, infatti, era vietato anche solo pensare di tagliarne una fetta! Ma per accontentare almeno i bambini, con la rimanenza dell’impasto venivano realizzati degli ‘omini’ salati che potevano essere consumati subito.

Non troverete mai una versione unica della ricetta, in quanto ogni famiglia ne ha una personale, il più delle volte tramandata dalle nonne: a chi piace con più formaggio, chi vi aggiunge il pepe, chi la fa più sciapa e così via.
Quella che sto per presentarvi è un mix della ricetta di due nonne grandi cuoche, entrambe consultate con attenzione prima e durante la preparazione. Il risultato è stato davvero strepitoso! Una torta ottima, soffice e gustosissima, che per una principiante come me – vi giuro, mai fatta prima – è stata una enorme soddisfazione! Vi avverto: serve molto tempo, pazienza e precisione in quanto la preparazione è abbastanza impegnativa.

Ecco la ricetta per due torte di medie dimensioni:

Ingredienti:

  • 10 uova
  • 1 kg farina
  • 450 grammi formaggio (misti: emmenthal a pezzi, parmigiano reggiano grattugiato e a pezzi, pecorino)
  • 220 grammi di burro e strutto (metà e metà)
  • 125 grammi lievito di birra
  • 30 grammi sale
  • 1 filo d’olio
  • Latte

Preparazione (con il robot da cucina):

Rompere le uova, aggiungere il sale e sbattere il tutto. Aggiungere la farina, il formaggio grattugiato, il burro e lo strutto e azionare l’impastatrice fino ad ottenere un composto omogeneo. Sciogliete il lievito in un pentolino con poco latte ed aggiungetelo all’impasto, azionando nuovamente il robot. Se l’impasto dovesse risultare troppo secco, aggiungere un filo d’olio e un po’ di latte e continuare a mescolare.
A questo punto potete aggiungere i formaggi tagliati a pezzi e finire di mescolare il tutto. Nella parte finale, si consiglia di terminare a mano la lavorazione del composto per distribuire i pezzi di formaggio in maniera omogenea. La consistenza ideale deve essere tale che se lo si tira con le dita, l’impasto si deve allungare senza strapparsi.
Ungere tutta la superficie della teglia con abbondante strutto ed accendere il forno ventilato a 100 °C per qualche minuto (per rendere il forno tiepido per la lievitazione). Sistemare l’impasto nella tortiera con le mani, mettere il tutto a lievitare nel forno (spento) senza coprire per circa 1 ora e mezzo. L’impasto sarà completamente lievitato quando raddoppierà il suo volume originale.
Cuocere in forno a 180° per circa 20 minuti e poi proseguire a 135° per altri 25 minuti. Quando la superficie della torta diventa dorata, coprire con un foglio di carta stagnola per evitare che assuma un colore troppo scuro (n.b. non aprire prima della prima mezz’ora per evitare che la torta si afflosci). Sfornare e lasciare raffreddare prima di estrarre dalla teglia.
Ideale da accompagnare con i salumi, specie il capocollo, ma ottima anche da sola!

rompere_le_uova

sbattere_le_uova

farina_burro_strutto

lievito_di_birra

formaggi_misti

impasto_torta_di_pasqua

sistemazione_impasto

impasto_lievitato

torte_in_forno

torte_di_pasqua

DSC_8639

torta_di_pasqua_con_tagliere

Mente e cuore di The Curious Café, originaria della verde Umbria con un amore sconfinato per il mare. Travel & lifestyle blogger per passione, SEO e Social Media sono il mio pane quotidiano per lavoro.
CondividiShare on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0

12 thoughts on “Torta di Pasqua al formaggio

  1. Dopo aver visto le foto mi è venuta voglia di cucinare! Ho seguito la tua ricetta dimezzando le dosi di ciascun ingrediente ed e’ venuta una torta bella e buonissima!!! :)

  2. penso proverò la tua ricetta, l’aspetto è molto invitante e utile il consiglio dell’olio se risultasse un impasto poco eleastico. Ma e la….. colomba sai darci la ricetta magari senza canditi?!

  3. Che Meraviglia!!! Prima ho provato la deliziosa ciaramicola… ora proverò anche la torta che la Pasqua è alle porte…. Ma non ho dubbi…sarà un successo!
    Ti do’ un’idea per il 3 ottobre… Che ne dici di sperimentare anche i mostaccioli di San Francesco?
    Da angelana trapiantata a Perugia mi mancano molto…e non li so fare!!

    • Ciao Francesca,hai provato anche la ciaramicola? Bravissima! Fammi sapere come va con la torta di Pasqua :D Sono d’accordo per sperimentare i mostaccioli.. sai che non li conoscevo? Mi documenterò con mia mamma che è l’esperta in cucina :D